Bruxismo Cos’è e come Curarlo

Contenuti di questo articolo

Bruxismo cos'è?

Il bruxismo, cioè il digrignamento involontario dei denti che nella maggior parte dei casi avviene di notte, può creare: acufeni, vertigini, prurito all’ orecchio, sindrome di Meniere, russamento e apnee notturne.

Cerchiamo di spiegare meglio di cosa si tratta e come si può fare per risolverlo.

Il bruxismo, parafunzione scorretta e involontaria della masticazione, col tempo rovina
la superficie masticatoria dei denti riducendone l’altezza e consumando in modo esagerato lo smalto. In casi molto avanzati si arriva perfino all’ esposizione della dentina (una parte molto sensibile e delicata del dente) e il paziente inizia a sentire fastidio quando entra in contatto con sostanze calde, fredde o acide.

I danni collaterali meno evidenti, ma non per questo meno pericolosi.

La riduzione delle cuspidi dentali determina però anche una riduzione dell’altezza dei denti (si vedono i denti più corti) e questo fa si che la mandibola si sposti indietro e in alto per mantenere un contatto efficace tra le arcate e permettere la masticazione che altrimenti non potrebbe avvenire.

La riduzione dell’altezza della cavità orale ( I denti si sono accorciati perché “limati “dal bruxismo) impedisce un corretto alloggiamento della lingua che si sposta indietro andando a ridurre lo spazio per il passaggio dell’aria dal naso. Ne conseguono russamento e apnee notturne con tutti i disturbi che queste comportano alla vita di coppia e alla salute del paziente.

Recenti ricerche hanno dimostrato come molti infarti notturni siano stati determinate da apnee del sonno e anche molti incidenti autostradali siano stati una conseguenza di un mancato riposo notturno causati dalle apnee e dal russamento.

bruxismo come curarlo?

È evidente quindi come il bruxismo non solo causi una cattiva estetica al paziente ma può determinare gravi conseguenze per il benessere e la vita stessa dello stesso.

Ad oggi ci sono diverse terapie per il bruxismo:

  1. Se il livello di bruxismo non è elevato il paziente può risolvere il suo problema utilizzando un apparecchio in gomma da usare la notte.
  2. Se invece il livello di bruxismo è notevole e c’è stata una perdita importante di smalto con sensibilità e fastidio/dolore al caldo e al freddo la terapia sarà quella di ricostituire una corretta anatomia dentale.
  3. Inoltre se, oltre al bruxismo elevato, il paziente soffre anche di una delle sintomatologie sopra citate, dovrà svolgere una specifica terapia gnatologica

Prima della Terapia

Dopo la terapia

Cosa dicono i nostri pazienti del Programma Postura Ok?

Testimonianze Video

Guarda le nostre testimonianze video e scopri come i nostri pazienti hanno risolto i loro problemi.

Condividi questo approfondimento

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Telegram
Email

Interessato?

Prenota un appuntamento

Seguici sui nostri Social

Postura OK
×

Powered by WhatsApp Chat

×